"Il Cavaliere della rosa"  di H.Hofmannsthall

  

  Regia di Egisto Marcucci  1982/1983

 

"Il cavaliere della rosa" : la nana in alcune scene. 

Ancora una volta in ginocchio, ancora una volta una nana. Lo stesso regista (Marcucci) forse a corto di idee, mi costrinse per la seconda volta a prostrarmi per tre lunghe ore sul palcoscenico. Non vedevo l'ora che finisse la tourné, contavo i giorni, le ore, i minuti...

Protagonista Valeria Moriconi. Come sempre brava, sorridente, amicale. Ma credo che sotto a quel sorriso, anche per lei quell'anno fu difficile e triste. Anche lei, come me, era stata umiliata nella sua radice più profonda di donna.  Non amo le "pettegolerie", ma posso giurare di averla vista piangere di umiliazione quando in scena fu costretta a celarsi il viso dietro un velo per non fare trasparire la sua età. Fu una cosa rivoltante: ad una donna e attrice come lei si doveva il massimo rispetto, ma non fu così.   Crudele il teatro alle volte!

Sono felice di averlo lasciato, di aver terminato il mio lavoro. Vivo in pace finalmente, grazie alla sudatissima pensione e nessuno MAI più riuscirà a smuovermi da qui...

Nessuno!

<< Indietro