"Povera gente" di F.Dostoevskij                            Teatro Politecnico, Roma 1976

  
 

Riduzione teatrale di Liù Bosisio e Peppino Venetucci

 


"Povera gente": Varinka (io) in una scena


"Povera gente" : Varinka in un'altra scena.

Nel 1976  ebbi un'idea: scrivere una riduzione per il teatro di "Povera gente" che  Dostoevskij scrisse quando aveva solo 23 anni.

E' la storia della corrispondenza fra due poveri dirimpettai: Makar e Varinka, lui innamorato di lei, Varinka invece già proiettata in un bisogno assoluto di libertà e indipendenza. 

Io amavo moltissimo questo autore: conoscevo tutte le sue opere, i suoi editoriali, i diari... e così ne parlai con Peppino Venetucci che avevo conosciuto l'anno precedente  durante la messinscena dei "Menecmi" di Plauto per la riapertura dell' anfiteatro romano di Ostia Antica: (non ho nessuna foto di quello spettacolo)...

Ci mettemmo al lavoro e dopo alcuni mesi di studio e scrittura, il testo era pronto. 

Lo depositammo alla SIAE e poco tempo dopo ci venne naturale pensare di rappresentarlo.

E così fu. Andammo in scena al Politecnico di Roma nel mese di maggio (mese sfortunato per il teatro, il tempo è bello e la gente non ama rinchiudersi in uno spazio ristretto). E così di pubblico ne venne poco, ma la "critica" fu benevola. Il critico teatrale e ordinario di Lingua e Letteratura Russa all’Università di Roma. Angelo Maria Ripellino, ebbe parole molto lusinghiere per noi, sia per la riduzione, che per l'interpretazione e la regia, che era di Peppino Venetucci. 

Insomma: anche questa fu un'esperienza bella e  entusiasmante  che mi costò in fatica, sonno e denaro... ma che poi fu ricompensata quando la RAI ci invitò a registrarla negli studi  radiofonici di Firenze. 

Fu trasmessa quattro o cinque volte da Rai 1, e ogni volta percepimmo, quali autori, una bella sommetta consolatoria.

<< Indietro