Il gioco con le parole

 

Si prende un libro o un giornale e ad occhi  chiusi si punta il dito su una parola (per esempio “mela”). Questo si deve fare per due o tre volte o per quanto si desideri. Si ottengono così una serie di parole diverse tra loro; poniamo che siano “mela-fringuello-ruota-vigore”... Il divertimento sta nel legarle tra loro dando un senso, magari in una forma pseudo-poetica. E’ un bel esercizio per sollecitare la fantasia pur imbrigliandola in un sentiero predefinito. Provate anche voi e... buon divertimento!