Il mostrino

 

 Io, povero mostrino...

orrendamente manipolato per far ridere la gente...

Io, pagliaccio sdrucito,

rappezzato,

scolorito...

che fingo di far scintille

per avere attenzione,

per stupire,

per essere amata anche solo un pocolino...

 

Io, sbiadito Pierrot senza pi¨ voce,

senza pi¨ canzoni,

senza pi¨ amore per la luna...

la bella luna che era la mia amante,

la mia sposa,

la mia musa sublime...

Per lei nella notte

intrecciavo la mia malinconia

coi fili d'argento che lei mi regalava...

 

Ora, qui...  povero mostrino,

intesso parole...

frammenti sconnessi,

vaghi balbettii,

vagiti forse...

mentre la TV mi rimanda la sembianza,

del pagliaccio che ero

- e che ancora forse sono -

un povero Pierrot senza mand˛la.

 

 2 agosto 2005 - ore 1,14 della notte

 

 

 

 

 << Indietro